Marchese D'Argò

 

Il Marchese D'Argò operava negli anni 40. Egli non fu un matematico o un teorico, non ideò alcuna teoria scientifica. Egli al contrario era un giocatore…..un forte giocatore di roulette! E, a quanto  risulta, fu un giocatore vincente!

 

Il suo gioco verteva sulle dozzine e colonne

 

Analizziamo il semplicissimo iter operativo.

E' necessario attendere 3 colpi a vuoto. Il sistema consiste semplicemente nel giocare la dozzina e la colonna corrispondente al penultimo numero estratto, a condizione che esso non appartenga ne alla dozzina, ne alla colonna del terzultimo numero.

  • · Se si vince sia la dozzina che la colonna (vincita totale), si registrerà un utile netto di 4 pezzi
  • · Se si vince solo una chance, dozzina o colonna (vincita parziale) si registrerà un utile netto di 1 pezzo
  • Se non si vince affatto si accusa lo scoperto di 2 pezzi.

 

Ovviamente questo sistema non ha alcuna base scientifica. Esso non potrà dare alla lunga un reale beneficio all'operatore, né a massa pari, né utilizzando progressioni varie.